sabato 17 settembre 2011

Gramigna per il minestrone

Visto che la mia vena pastaiola non ha voglia di esaurirsi,  in previsione della scadenza del contest di
La cultura del frumento sulle Paste Regionali (parte II), ho voglia di condividere con voi una piacevole scoperta.
Avete presente lo sbroglio cantine??? ebbene quel lavoro noioso, in luoghi polverosi, con qualche ragnatela che si appoggia sui vostri capelli, ma che vi farà scoprire cose ed oggetti meravigliosi? .... e scoperta fu!! Mitico il babbo che ne ha apprezzato il valore e l'ha riportato a suo degno splendore!


Il torchio manuale con le trafile in bronzo


Che spettacolo, altro che la mia pastamatic.....

Tra le trafile, quella che ci è piaciuta (a me e a mia mamma) è stata quella della pasta "bucata" o "bucatini" che però noi abbiamo voluto realizzare per voi nella versione GRAMIGNA cioè la pasta per eccellenza che veniva usata in casa per il minestrone di verdure.

Ingredienti versione semola:

250 gr farina di semola Molino Chiavazza
120 gr acqua

Ingredienti versione pasta all'uovo:

100 gr farina 00 Molino Chiavazza
1 uovo biologico



Impasto nel torchio - alto -


Torchio manuale e Trafile in Bronzo

Maniglione per un pò di ginnastica!


 Oggi si taglia corto......Gramigna.....


Che meraviglia


Taglio


Scorta per le prime minestre



Pronta!

Con il caldo, devo essere onesta oggi proprio non me la sono sentita, ma questa pasta andrebbe a nozze con una bella minestra di verdure dell'orto....per questa volta passo, il piatto pronto posso saltarlo?

Alla prossima pasta!!!!






13 commenti:

  1. e meno male che la pastaia che è in te non vuole fermarsi..mi lasci sempre a bocca aperta!!! (per lo stupore e la fame!) ;)

    RispondiElimina
  2. Artù... voglio fare anche io un giro nelle vostre cantine... magari trovo un tesoro!!! AHAHAHH... però... non abbandonare la pastamatic eh!!! Comunque sembra davvero bellissima questa pastina..... Magari coi primi freddi si può provare.... se mi inviti a cena... perchè a me queste tue meraviglie mancano proprio!!!

    RispondiElimina
  3. bravissima artù, pensa tu hai fatto la gramigna e io ieri il minestrone ad averlo spauto ci incontravamo a mtà strada e mangiavamo assieme. baciotti cara

    RispondiElimina
  4. meraviglioso :il torchio che non conoscevo affatto, brava per la ricettina , ma così mi fai venire un'invidia!!!!mo me la vado a cercare anche io in qualche cantina di chissà chi, grazie per le idee che sforni ogni settimana, un abbraccio, buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  5. Che invidia quella trafila!
    E che invidia quel piatto di gramigna. Oggi è una giornata fredda e piovosa, un buon minestrone sarebbe l'ideale!

    RispondiElimina
  6. ma che belli questi post sulla pasta!!!!! brava brava e bravo a tuo papà che ha fatto rivivere lo splendido torchio!!!!

    RispondiElimina
  7. @Glo: in questo periodo sono pasta-dipendente!
    @Lucia: no .... questo attrezzo rimane dai miei genitori, io mi tengo stretta pastamatic!
    @Stefania: a saperlo!!!!
    @Caterina: grazie a te che mi segui sempre!
    @Sotto...: si è stupenda!

    RispondiElimina
  8. @Le cognate: si in effetti devo dire grazie al papà!!!

    RispondiElimina
  9. che brava...troppo troppissimo!!!!!

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia...sopratutto il torchio...:-)

    RispondiElimina
  11. @Nonna papera: ma grazie!!!
    @Babbi: eh si davvero bello!!!

    RispondiElimina
  12. Ma quanti meravigliosi ageggi che hai, quanto mi piacciono! E la gramigna buonissma

    RispondiElimina
  13. @Listick: sono contenta che venga apprezzato questo lavoro!!!

    RispondiElimina

Pubblicherò i vostri commenti appena possibile! NON ALLARMATEVI SE NON LI VEDETE...spesso li pubblico una volta alla settimana! GRAZIE!!!!

ATTENZIONE:
Non verranno pubblicati i commenti lasciati da utenti anonimi che non si firmano! grazie per la comprensione.