martedì 6 novembre 2012

Lasagne di panissa con broccoli (e pecorino romano): quanti modi di fare e rifare

@http://lacasadi-artu.blogspot.it/

Il tempo passa talmente veloce che mi rendo conto del trascorrere dei mesi solamente quando pubblico la ricetta della bella iniziativa del Quanti modi di fare e rifare ogni 6 del mese....ed eccoci infatti già al 6 di Novembre! incredibile!
Grazie come sempre ad Anna e Ornella per il gran lavoro che svolgono ogni mese, e per la bella novità del banner qui a fianco di tutte le cuochine e cuochini nel mondo!

La ricetta di oggi è davvero buonissima, ho dovuto per motivi di dieta personale adeguarla al mio regime alimentare attuale, privandomi di uno degli ingredienti principali della ricetta: il pecorino!
Appena avrò la possibilità di inserire nuovamente i latticini nella mia alimentazione, state certi che rifarò questa ricetta come va fatta!!


Le Lasagne di panissa con broccoli e pecorino romano di Nanocucina

Ingredienti

Per la panissa:
150 gr farina di ceci (Molino di Pegli)
500 ml di acqua
sale grosso
olio evo ligure

Per il condimento
1 broccolo (io surgelato)
1/2 cucchiaino di aglio granuli Tec Al
2 acciughe sott'olio (io 4)
peperoncino in polvere

Per la besciamella
400 ml latte intero (io latte di soja)
1 cucchiaio e mezzo di farina 00
(sale)
(noce moscata)
35 gr pecorino romano grattugiato (io non l'ho messo!)


Procedimento
Preparare la panissa:
in una pentola col fondo spesso stemperare la farina di ceci in acqua, con un pizzico di sale e due cucchiai di olio. Fare cuocere per circa mezz'ora, continuando a mescolare per evitare che si attacchi al fondo. Una volta pronta versare in un piatto o in una teglia e lasciare raffreddare. Tagliare a fettine sottili (io l'ho lasciata più spesso tipo panissette)

Preparare il condimento:
far bollire in acqua il broccolo, sgocciolarlo e ripassarlo in padella con olio, peperoncino, aglio e acciughe. Io ho voluto usare l'aglio in granuli, per renderlo più digeribile, e per lasciare più profumo nel condimento.

Preparare la besciamella:
in una pentola stemperare la farina nel latte, aggiungere un pizzico di sale e noce moscata. Far addensare ma non troppo la besciamella. Per chi usa il formaggio inserire un poco di pecorino nel composto e tenere il resto da parte da mettere nella teglia.

Assemblare:
in una teglia rettangolare tipo cocotte, dopo aver versato un filo di olio evo, fare gli strati di panissa, broccolo, besciamella fino ad esaurimento ingredienti. Nella mia teglia sono venuti 3 strati.
Infornare a 200° statico per circa 40 minuti.

Lasagne di panissa con broccoli
Le posate in legno certificato sono di Ecobioshopping
***

Ho avanzato un poco di panissa....e l'ho fatta fritta, naturalmente !!! ma niente foto, mio marito e il suo amico di merende se la sono sbaffata in un minutino....

***

Il prossimo appuntamento il 6 Dicembre nella cucina di Vichyart  con Mostaccioli al cioccolato ripieni





44 commenti:

  1. Mi sembra deliziosa anche senza pecorino.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Sono sicura che anche senza pecorino e con quel tocco di noce moscata era deliziosa :) Questo mese ho fatto pausa ma spero di rifarmi al prossimo. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Buongiorno cara Artù! Che meraviglia... anche stamattina, nelle cucine delle mie amate Cuochine si diffondono aromi invianti e golosi! Grazie per averci preparato questa stupenda versione delle lasagne di panissa!
    A ritrovarci il 6 di dicembre con i “Mostaccioli napoletani”!
    Un abbraccio La Cuochina

    RispondiElimina
  4. Quanti modi di fare e rifare.. ah, amica.. in mano a te infiniti! E guarda che bellezza! Sei fenomenale :) Complimenti e un abbraccio grande per una giornata stupenda! :D

    RispondiElimina
  5. Bellissima ricetta interpretata alla grande. Buona giornata. Anna

    RispondiElimina
  6. Che delizia, complimenti!
    Ti auguro una giornata meravigliosa!

    RispondiElimina
  7. E' ottima!!!!! mai fatta con i broccoli!
    ps: se ti pouò essere di aiuto.. nelle lasagne vegetali per la besciamella prova a mettere brodo anzichè latte.. è più leggera.. e mi ci trovo benissimo! baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  8. lastufaeconomica06 novembre, 2012

    Grazie per essere passata da me, mi piace il tuo blog, profuma di cose buone fatte con amore. Ed io, "foodblogger" (mi piace questo nome...) nuova, ho molto da imparare.
    ciao
    Lastufaeconomica

    RispondiElimina
  9. Tesoro ma anche senza veri e propri latticini è deliziosa!!!
    bravissima!!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  10. Strepitosa!!! una ricetta nuova per me ma davvero gustosa!!!
    e anche fritta mamma che delizia:-)
    un bacione

    RispondiElimina
  11. mangiare questa bontà con un panorama del genere....!
    bravissima
    bacio

    RispondiElimina
  12. anche allegerendola resta comunque molto buona!! ciao carissima!

    RispondiElimina
  13. ciao Artù, io nella tua fotografia vedo un panorama splendido, abiti lì? bella anche la tua versione...un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao Michy, eccomi per un'altra avventura insieme! E comunque sono contenta anch'io che questo non sia un contest, ma solo un modo per stare insieme! Un abbraccio grandissimo e complimenti per la tua interpretazione e per quella bella foto.....

    RispondiElimina
  15. Artu, tesoro che belle lasagne e che bel panorama!!! Ul tempo vola, sai che ci vuole a ritrovare a fare i mostaccioli!!!! Ciao bella!!!
    Sandra

    RispondiElimina
  16. Questa ricetta per me è una novità, mi sembra molto sfiziosa assolutamente da provare :), brava :) kiss

    RispondiElimina
  17. e che lavoro fai? Intasnto prendo nota dei tuoi consigli.

    RispondiElimina
  18. bellissima interpretazione,un assaggio si puo'?:D

    RispondiElimina
  19. Fantastico il panorama di queste lasagne.....
    francesca

    RispondiElimina
  20. Grazie cara Artù per la bellissima versione, preparata nonostante la dieta ma sono certa che anche senza pecorino era buonissima!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Complimenti per la tua versione di lasagne! Mi piace davvero tanto questa iniziativa. Il prossimo mese mi cimenterò anche io con i mostaccioli!

    RispondiElimina
  22. Ahhh, thanks for the gorgeous post!

    RispondiElimina
  23. Eccomi da te. Dai anche senza il pecorino però queste lasagne son buone lo stesso. Che bella la tua foto e mi ci piacciono molto le posate in legno, fanno calore e le vedo quindi bene con questo piatto!

    RispondiElimina
  24. Che piatto particolare davvero!!!!!!
    Non lo conoscevo e devo dire che per me è una vera golosità...Saranno i broccoli o i vari strati di bontà??????Certo dovrei assaggiarlo per essere sicura ahahahahahah
    Un bacione dolce Artù

    immagino fritta cosa doveva essere....Capisco marito e amico!!!!!

    RispondiElimina
  25. mi piace questo vostro appuntamento, ottima la tua versione di questa ricetta, un bacio

    RispondiElimina
  26. e io immagino che sia venuta buonissima anche in versione latticino free, d'altra parte dalla tua cucina non escono altro che bontà. Panissa fritta? da provare anche questa! un bacione

    RispondiElimina
  27. Ma sono certa che anche senza pecorino sono state favolose.
    Grazie per l'apprezzamento per il lavoro della Cuochina, lei è sempre vulcanica, e noi ci facciamo trascinare volentieri:)))
    Baci

    RispondiElimina
  28. O___O Amo la panissa, quando vado a Genova la ordino sempre... che bella questa ricetta!! <3

    RispondiElimina
  29. questa ricetta mi piace un sacco,un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  30. Ciao Artù,
    le nostre versioni sono quasi simili, ti manca la zucca! Bella la besciamella con la soja, buona serata e un abbraccio!

    RispondiElimina
  31. Cara Michela, benritrovata!
    Che buone queste lasagne di panissa!
    Invitantissima anche la tua versione!
    Ti abbraccio e a presto! :)

    RispondiElimina
  32. ciao carissima, grazie mille per la visita. veramente bellissime le tue lasagne e che panorama fantastico!

    RispondiElimina
  33. ottima ricetta che brava!!!

    RispondiElimina
  34. Ciao cara! Molto buona anche la tua versione! Anche a me è avanzata un po'di panissa ma l'ho mangiata tutta da sola cosparsa con un po' di formaggio!

    RispondiElimina
  35. Invitante versione con latte di soia..lo credevo troppo "amaro" invece sembra starci proprio bene!
    Come questo paesaggio.... che bellezza di immagini!

    un saluto Jè

    RispondiElimina
  36. non devo guardare il tuo blog prima di cena...nuoce al mio umore quando mangio la solita carne poco condita :(

    RispondiElimina
  37. bello vero anche questo giro? la panissa non l'avevo mai fatta , mi ha proprio convinto, dovrò rifarla per provare a friggerla...mi ispira!
    Complimenti ottima presentazione! bacioni!

    RispondiElimina
  38. ciao Artù
    Sempre bravissima.
    Le lasagne a tre strati ed il paesaggio invitano a restare per assaggiare!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  39. Ma quanto mi piace la tua terrazza sul mondo, danno un tocco di infinito alle tue ricette :) Bella versione anche la tua, inevitabile la domanda: intolleranza al lattosio? Buona giornata e scusa il ritardo con cui passo anche da te, sono giorni frenetici ma tenevo alla fine a dare un'occhiata ai blog di tutte le partecipanti e di leggere tutti i post :)

    RispondiElimina
  40. @ tam : si si abito li, quello è il panorama dalla mia cucina!

    RispondiElimina
  41. Un piatto perfetto. Mi piace tanto la panissa (che non mi decido mai di fare), e in questa preparazione penso sia superlativa, sicuramente superiore alla pasta all'uovo.

    RispondiElimina
  42. @ Anna: non è un'intolleranza, ma un problema di dieta...devo abbassare il colesterolo in modo drastico, è davvero troppo elevato al momento. Quindi iniziamo dalla prova dieta!

    RispondiElimina
  43. mangiate davanti a quel panorama poi sono ancora meglio!!

    RispondiElimina

Pubblicherò i vostri commenti appena possibile! NON ALLARMATEVI SE NON LI VEDETE...spesso li pubblico una volta alla settimana! GRAZIE!!!!

ATTENZIONE:
Non verranno pubblicati i commenti lasciati da utenti anonimi che non si firmano! grazie per la comprensione.